Il fondo Palazzo Losini comprende le carte ricevute da Costanza Palazzo Losini nel corso della propria esistenza.
Moglie del gerarca fascista Francesco Losini (intellettuale e politico, collaboratore del "Chi è. Dizionario degli italiani"), fu un'intellettuale attiva e dinamica, impegnata in numerose iniziative culturali. Ebbe rapporti con scrittori, pedagogisti, editori, archeologi, intellettuali, protagonisti in vari campi della cultura italiana durante il Ventennio. Pur essendo legata al fascismo e, dopo la guerra, al conservatorismo cattolico (aderì all'Unione nazionale. Civiltà italica) tra i suoi corrispondenti figurano numerosi uomini che si opposero al fascismo direttamente o ritirandosi a vita privata.

Introduzione all'archivio

Il fondo Palazzo Losini comprende le carte ricevute da Costanza Palazzo Losini nel corso della propria esistenza.
Moglie del gerarca fascista Francesco Losini (intellettuale e politico, collaboratore del "Chi è. Dizionario degli italiani"), fu un'intellettuale attiva e dinamica, impegnata in numerose iniziative culturali. Ebbe rapporti con scrittori, pedagogisti, editori, archeologi, intellettuali, protagonisti in vari campi della cultura italiana durante il Ventennio. Pur essendo legata al fascismo e, dopo la guerra, al conservatorismo cattolico (aderì all'Unione nazionale. Civiltà italica) tra i suoi corrispondenti figurano numerosi uomini che si opposero al fascismo direttamente o ritirandosi a vita privata.

Criteri ordinamento
Il fondo comprende lettere, cartoline, biglietti e documenti indirizzati alla donna. Le carte, che non presentavano nessun ordinamento all'atto del versamento presso la Fondazione Badaracco, sono state articolate in un'unica serie Carteggio costituita dall'archivista.

L'inventariazione ha previsto i seguenti campi descrittivi per ogni fascicolo:
- titolo
- data topica
- estremi cronologici
- contenuto
- segnatura
- consistenza numerazione-
- stato di conservazione
- note

Nel campo note sono state inserite brevi schede biografiche dei corrispondenti di cui è stata possibile l'identificazione. Durante il lavoro di riordino e inventariazione si è proceduto anche alla condizionatura delle carte con la costituzione di nuovi fascicoli. L'inventario è corredato da un indice di persona.

Il lavoro di riordino e inventariazione è stato realizzato dalla dott.ssa Carla Cioglia con la supervisione archivistica della dott.ssa Alessandra Miola. Il lavoro è stato realizzato in cofinanziamento con la Soprintendenza archivistica per la Lombardia e la Fondazione Cariplo nell'ambito del progetto "Scrittrici e intellettuali del Novecento. Le carte d’archivio".

Carteggio


Contenuto
La serie comprende lettere, biglietti, cartoline e documenti ricevuti da Costanza Palazzo Losini nel corso della propria esistenza. Soltanto in due casi (ff. "[Cambi**]" e "Palazzi Fernando") le lettere sono indirizzate al marito Francesco Losini. Si tratta di corrispondenza d'argomento privato ma anche di notizie e commenti sull'attività lavorativa dei mittenti: opere, scritti, progetti.


Dalle lettere traspare il legame affettivo e la comunanza di idee e interessi che la donna aveva con i numerosi intellettuali protagonisti del carteggio, le parole di stima e di incoraggiamento che spendeva e che portano alcuni a definirla "genio benefico" e "alfiere generoso che portò la mia bandiera", l'aiuto che forniva - anche grazie al ruolo del marito all'interno del regime fascista - per questioni amministrative e finanziarie.


Da segnalare il fascicolo dall'incerta identificazione "[Cambi**]" che contiene una lettera indirizzata a Francesco Losini con le indicazioni per la revisione del Dizionario degli italiani d'oggi alla luce delle leggi razziali.


Criteri ordinamento
Le carte sono state ordinate in fascicoli personali intestati ai singoli mittenti, disposti alfabeticamente in ordine cronologico all'interno del fascicolo. Talvolta è stata problematica l'identificazione del mittente, essendo generalmente manoscritte, sempre per quanto riguarda la firma, e solo in un unico caso con intestazione a stampa - f. "Anile Antonino" - , nei casi in cui l'identificazione non sia certa il nominativo è stato riportato tra parentesi quadre. In coda alla serie è presente un fascicolo che non è stato possibile attribuire.


Numero unità


1


Titolo


Anile Antonino


Data topica


Roma


Estremi cronologici


1936 maggio 19 - 1943 ottobre 13


Contenuto


Corrispondenza prevalentemente di natura personale relativa alle condizioni di salute di Costanza.


In coda la lettera di risposta alle condoglianze scritta dalla moglie Maria Pekle.


Limitazioni consultabilità


Carte non consultabili.


Descrizione estrinseca


25 lettere, 9 cartoline, 5 biglietti


Note complessive


Medico e letterato (1869 - 1943).


Nonostante la passione per la poesia e la letteratura, si laureò in Medicina presso l’Università di Napoli diventando assistente del prof. Giovanni Antonelli, titolare della cattedra di Anatomia umana e, in seguito, Libero Docente di Anatomia descrittiva e topografica prima nell’Ateneo napoletano e poi nella Regia Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 1911 si sposò a Parigi con Maria Pekle, compagna di tutta la vita e preziosa collaboratrice delle sue numerose opere. Ha partecipato alla fondazione del Partito Popolare con Luigi Sturzo e, il 16 novembre 1919, venendo eletto deputato al Parlamento nel Distretto di Catanzaro per tre legislature. Fu Ministro della Pubblica Istruzione dal 25 febbraio al 31 ottobre 1922 nei due ministeri presieduti da Luigi Facta. Con l’avvento del Fascismo, ritiratosi a vita privata, concluse l’esperienza politica dedicandosi agli studi e alla professione medica e pubblicando diverse opere.


Tra le sue numerose opere ricordiamo: Primi tumulti (1902); La Croce e le rose (1909); Vigilie di scienza e di vita (1911); La salute e il pensiero (1914); Nella scienza e nella vita (1920); Poesie (1921); Sonetti religiosi (1923); Nuovi sonetti religiosi (1931); L’eroica (1931); Bellezza e verità delle cose (1935); Le ore sacre (1937); L’ombra della montagna (1939); Questo è l’uomo (1943).


 


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 1


Numero unità


2


Titolo


Bertoni Giulio


Data topica


Roma - Modena - Perugia


Estremi cronologici


1926 gennaio 5 - 1938 luglio 30


Contenuto


Corrispondenza prevalentemente di natura personale.


Descrizione estrinseca


16 cartoline, 1 telegramma, 12 lettere


Note complessive


Filologo (1878 - 1942).


Professore nelle università di Friburgo (1905), Torino (1921) e Roma (1928), fu


direttore della sezione Linguistica della Enciclopedia Italiana dal 1925 al 1937 e socio nazionale dell’Accademia dei Lincei. Nominato Accademico d’Italia nel 1932, fondò e diresse la rivista Archivum Romanicum (1917).


Si occupò e scrisse di letteratura italiana antica, di letteratura provenzale antica, del Rinascimento a Modena e Ferrara, di lingua e dialettologia italiana, di teoria generale del linguaggio.


Tra le sue opere ricordiamo: "Italia dialettale", 1916; "Testi antichi francesi : per uso delle scuole di filologia romanza", 1908; "Studi su vecchie e nuove poesie e prose d'amore e di romanzi", 1921; "Prontuario di pronunzia e di ortografia", 1939; "La prosa della Vita nuova di Dante", 1914; "L' elemento germanico nella lingua italiana", 1914.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 2


Numero unità


3


Titolo


[Cambi**]


Data topica


Roma


Estremi cronologici


s. d.


Contenuto


Lettera indirizzata a Francesco Losini contenente le indicazioni per la revisione del Dizionario degli italiani d'oggi alla luce delle nuove indicazioni fasciste: cancellazioni dei nomi ebrei, modifica delle voci Bottai e Mussolini, correzioni varie.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 3


Numero unità


4


Titolo


D'Ambra Lucio


Data topica


Roma


Estremi cronologici


1937 aprile 13 - 1937 dicembre 24


Contenuto


Telegramma e lettera d'auguri.


Descrizione estrinseca


2 lettere


Note complessive


Scrittore, regista e sceneggiatore cinematografico (1879-1939).


Pseudonimo di Renato Tommaso Anacleto Manganella, fu romanziere, saggista, commediografo, impresario teatrale. Si dedicò al cinema ottenendo un successo ragguardevole di critica e di pubblico come soggettista e sceneggiatore e dal 1917 regista. Il suo nome è legato alla commedia leggera e garbata e al gusto per gli intrighi comico sentimentali che gli valsero nel 1935 il parallelo con Lubitsch.


Tra i suoi film ricordiamo: "Effetti di luce" (1916) di Ugo Falena, "la Signorina Ciclone" (1916) di Gustavo Genina, "Carnevalesca" di Amleto Palermi, "L’illustre attrice cicala formica" (1920), "Le mogli e le arance", "Due sogni ad occhi aperti" e "La Principessa Bebè".


 


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 4


Numero unità


5


Titolo


[De Gubernatis?]


Estremi cronologici


1928 novembre 5


Contenuto


Cartolina illustrata.


Descrizione estrinseca


1 cartolina


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 5


Numero unità


6


Titolo


De Maria Federico


Data topica


Palermo


Estremi cronologici


1950 gennaio 10


Contenuto


Lettera relativa all'organizzazione della presentazione delle opere dell'autore.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Note complessive


Scrittore (1885 - 1954).


Fondò e diresse "La Fronda", entrando in contatto epistolare prima con Bontempelli poi con Marinetti. Aderì al Manifesto futurista, di cui fu uno dei firmatari per poi staccarsene per portarsi su posizioni più tradizionali e conservatrici.


Tra le sue opere ricordiamo: "Passeggiate sentimentali in Tripolitania : visioni di pace e di guerra", 1912; "Voci. Poema della natura", 1903; "Incantesimo del fuoco e altre poesie vecchie e nuove", 1952.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 6


Numero unità


7


Titolo


Ducati ***** Gabriella


Estremi cronologici


1932 settembre 18


Contenuto


Lettera relativa a questioni personali della donna e del fratello Pericle Ducati.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Note complessive


Sorella di Pericle Ducati.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 7


Numero unità


8


Titolo


Ducati Pericle


Data topica


Bologna


Estremi cronologici


1932 ottobre 14 - 1934 luglio 19


Contenuto


Corrispondenza relativa in prevalenza al tentativo del Ducati di ottenere la nomina a membro della Reale Accademia d'Italia.


Descrizione estrinseca


8 lettere, 8 biglietti, 1 cartolina


Note complessive


Archeleogo (1880 - 1944).


Direttore del Museo Civico di Bologna, fu autore di numerosi studi sulla arte antica, greca ed etrusca in particolare. Dopo il 1943 aderì alla Repubblica Sociale Italiana venendo ucciso nel 1944 a Cortina d'Ampezzo.


Tra le opere ricordiamo: Storia della ceramica greca (1923), Etruria antica (1925); Storia dell'arte etrusca (1927), L'arte classica (1929). 


 


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 8


Numero unità


9


Titolo


Formiggini A[ngelo] F[ortunato]


Data topica


Bruges - Modena


Estremi cronologici


1920 giugno 29 - 1931 agosto 21


Contenuto


Lettera d'adesione all'Istituto per la propaganda della cultura italiana e cartoline illustrate.


Descrizione estrinseca


2 cartoline, 1 lettera


Note complessive


Editore (1878 - 1938).


Fondatore della casa editrice A.F. Formiggini editore. Le prime collezioni furono Biblioteca di filosofia e pedagogia, Biblioteca filosofica e letteraria, Profili. Nel 1912 venne pubblicato il Satyricon, primo volume dei Classici del ridere, la collezione più nota e longeva, protratta fino al 1938. Nel 1918 diede vita alla sua creatura più cara, l'ICS, cioè L'Italia che scrive, un periodico di informazione libraria.


Nel marzo 1921 fondò l’Istituto per la propaganda della cultura italiana (IPCI), finalizzato "ad armonizzare le varie correnti della cultura nazionale", che, subito dopo, su proposta di Giovanni Gentile, muterà il nome in Fondazione Leonardo per la cultura italiana. Con un colpo di mano, gestito da Gentile, Formiggini nel 1923 venne estromesso dalla Fondazione poi assorbita nel 1925 dall’Istituto Nazionale Fascista di cultura.


Allontanato dal fascismo per la sua origine ebraica, privato dei propri beni morì suicida nel novembre del 1938.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 9


Numero unità


10


Titolo


[Formizzi?] E.


Data topica


Trafoi


Estremi cronologici


1926 agosto 29


Contenuto


Cartolina di saluto.


Descrizione estrinseca


1 cartolina


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 10


Numero unità


11


Titolo


Galeazzi


Data topica


Cingoli - Roma


Estremi cronologici


1926 settembre 27 - 1958 agosto 13


Contenuto


Corrispondenza d'argomento privato.


Descrizione estrinseca


1 biglietto, 1 cartolina, 12 lettere


Note complessive


Funzionario del Ministero della Pubblica Istruzione, vicino di casa dei Losini.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 11


Numero unità


12


Titolo


Galletti A[lfredo]


Data topica


Roma - Venezia - Cremona


Estremi cronologici


1930 febbraio 5 - 1930 aprile 17


Contenuto


Corrispondenza relativa alla partecipazione di una conferenza tenuta a Roma e alla consonanza di idee tra l'autore e Costanza.


Descrizione estrinseca


3 lettere, 1 biglietto


Note complessive


Storico della letteratura.


Professore a Milano presso l'Università Statale, autore di numerosi saggi sulla letteratura italiana, antologie e testi per l'università e le scuole. Costretto al giuramento al Partito fascista, all'atto del giurare scagliò il calamaio per dimostrare platealmente la propria opposizione.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 12


Numero unità


13


Titolo


[Guarenghi?]


Data topica


Livorno


Estremi cronologici


1909 settembre 18


Contenuto


Lettera di informazioni bibliografiche.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 13


Numero unità


14


Titolo


Lombardo Radice G[iuseppe?]


Data topica


Montepulciano


Estremi cronologici


1916 ottobre 17 - 1917 aprile 9


Contenuto


Due cartoline e una lettera indirizzate a Costanza Losini Palazzo.


Descrizione estrinseca


2 cartoline, 1 lettera


Note complessive


Pedagogista e filosofo (1879 - 1938),


Docente di pedagogia all'Università di Catania Lombardo Radice, (1911-1922), fu chiamato da Gentile, allora ministro della Pubblica Istruzione, alla direzione generale della scuola elementare (1922-24), dove preparò i programmi per la scuola primaria e contribuì alla riforma scolastica; ben presto però il dissenso politico con il fascismo indusse Lombardo Radice a ritirarsi dalla politica attiva per rivolgersi all'insegnamento e alla diffusione di un nuovo pensiero pedagogico con la rivista "L'educazione nazionale" (1919).


Tra le sue opere ricordiamo: "Lezioni di didattica e ricordi di esperienza magistrale" (1913).


 Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 14


Numero unità


15


Titolo


[Marcolongo] R.


Data topica


Napoli


Estremi cronologici


1912 dicembre 31


Contenuto


Cartolina d'auguri.


Descrizione estrinseca


1 cartolina


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 15


Numero unità


16


Titolo


Palazzi Fernando


Data topica


Milano


Estremi cronologici


1924 dicembre 2 - 1924 dicembre 10


Contenuto


Lettera inviata a Francesco Palazzo con note di commento di mano diversa.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Note complessive


Lessicografo ed enciclopedista (1884-1962).


Operò in una varietà di campi: linguistica, saggistica, critica militante (Resto del Carlino e Corriere della Sera), narrativa, traduzione, editoria scolastica, letteratura per l’infanzia, testi enciclopedici, organizzazione di raccolte e collane editoriali.


Fra i suoi contributi più significativi ricordiamo Il Novissimo Palazzi, Il mio Primo Palazzi e Il Piccolo Palazzi, l’Enciclopedia della fiaba, l’Enciclopedia del Tesoro e la celebre collana di letteratura per ragazzi La scala d’oro.


 Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 16


Numero unità


17


Titolo


[Polati Leone?]


Data topica


Este


Estremi cronologici


1944 febbraio 23


Contenuto


Autografo della lirica "Comandamento" con note manoscritte.


Descrizione estrinseca


1 documento


Note complessive


Timbro a inchiostro con visto Commissione provinciale di censura.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 17


Numero unità


18


Titolo


Silvestrelli Carlo


Data topica


Roma


Estremi cronologici


[1954] marzo 16 - 1956


Contenuto


Corrispondenza relativa all'attività dell'organizzazione Unione nazionale civiltà italica, di cui Silvestrelli era Presidente del Comitato romano.


Invito alla conferenza tenuta da Costanza Losini Palazzo dal titolo "Per concretare la via della salvezza".


Descrizione estrinseca


1 invito, 4 lettere, 1 biglietto, 1 cartolina


Note complessive


Presidente del Comitato romano dell'Unione Nazionale di Civiltà Italica, associazione sorta a salvaguardia del pluralismo politico dei cattolici, in difesa degli interessi della Chiesa con l'appoggio di Pio XII. Perse rilevanza dopo la nascita dei Comitati Civici creati da Luigi Gedda per le elezioni politiche del 18 aprile 1948.


 Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 18


Numero unità


19


Titolo


Stendardo Guido


Data topica


Modena


Estremi cronologici


1943 maggio 20


Contenuto


Lettera relativa alla possibile donazione della biblioteca di Bertoni alla Biblioteca Estense di cui Stendardo era direttore.


Descrizione estrinseca


1 biglietto


Note complessive


Bibliotecario (1908 - 1982)


In servizio nelle biblioteche governative dal 1934, lavorò alla Biblioteca Estense di Modena e all'Universitaria di Napoli. Diresse dal 1940 la Biblioteca Estense e la Soprintendenza bibliografica dell'Emilia, poi dal 1949 al 1962 la Biblioteca di archeologia e storia dell'arte di Roma. Fu infine ispettore centrale al Ministero della pubblica istruzione.


 


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 19


Numero unità


20


Titolo


Testoni Alfredo


Estremi cronologici


s. d.


Contenuto


Manoscritto della poesia satirica "Testoni" e cartolina con autografo.


Descrizione estrinseca


1 documento, 1 cartolina


Note complessive


La lirica ha firma "Pi - fa - fi".


Autore teatrale (1856 - 1931).


Cominciò giornalista, collaborando a diversi periodici (Capitan Fracassa, Resto del Carlino, Ehi! ch'al scusa), ma presto tutta la sua attività fu assorbita dal teatro in bolognese. Le circa 40 commedie da lui scritte, in bolognese e in italiano, ritraggono con arguzia o con vena comico-sentimentale, la vita di tutti i giorni, tipi e casi comuni o stravaganti.


Tra i molti lavori si ricordano: "Insteriari", 1881; "Scuffiareini", 1882; "I Pisuneini", 1883; "Acqua e ciaccher", 1899; "Il cardinale Lambertini", 1905, in italiano che ottenne successo anche grazie all'interpretazione di Ermete Zacconi e che in qualche modo 'storicizza' la proverbiale bonomia emiliana attraverso la figura del noto prelato settecentesco che diverrà papa come Benedictus XIV, "Il nostro prossimo" (El noster prossum, 1910), "La spada di Damocle", 1916; la serie di gustosi e popolarissimi sonetti intitolati alla Signora Cattareina (Signera Cattereina), in cui questo personaggio dialoga sui suoi fatti e del giorno. Nel 1886 raccolse molte delle sue opere nei due volumi di "Teatro bolognese" (Teater bulgneis, 1886). Negli ultimi anni fu autore anche di "Dietro le quinte", 1910 e "Ricordi di teatro", 1925.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 20


Numero unità


21


Titolo


Urbani Anna


Estremi cronologici


s. d.


Contenuto


Lettera di ringraziamento per l'interessamento di Costanza e del marito in relazione ad una pratica di trasferimento.


Descrizione estrinseca


1 lettera


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 21


Numero unità


22


Titolo


Urbani Giuseppe


Data topica


Roma


Estremi cronologici


1921 gennaio 11 - 1924 febbraio 12


Contenuto


Corrispondenza relativa alla vita familiare e consigli su un'opera letteraria scritta da Costanza.


Descrizione estrinseca


4 lettere


Note complessive


Redattore della rivista "Arte e vita. Rassegna letteraria", funzionario del Ministero dell'Economia nazionale, Direzione per l'Agricoltura.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 22


Numero unità


23


Titolo


Vianelli Giorgio


Estremi cronologici


s. d.


Contenuto


Bozza lacunosa manoscritta con correzioni del racconto intitolato "Giorgio Vian", note manoscritte sul verso "Giorgio Vianelli"


Descrizione estrinseca


1 documento


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 23


Numero unità


24


Titolo


Anonimo


Estremi cronologici


1947 maggio 8


Contenuto


Cartolina d'auguri con firma illeggibile.


Descrizione estrinseca


1 cartolina


Note complessive


La cartolina è illustrata da un ritratto fotografico del mittente.


Classificazione


1.1


Segnatura_definitiva


Busta 1, Fascicolo 24


Altri Archivi disponibili

Fondi di Enti

Fondi personali

Raccolte